Una riga nera è il modo più semplice per evidenziare una parola, un gesto capace di attirare attenzione e attivare il ricordo. Nel 1998 l’entusiasmo di un piccolo gruppo di grafici, account e creativi ha iniziato a tracciare questa riga che dieci anni dopo ha portato all’apertura degli uffici di Cagliari con qualche esperienza pubblicitaria nazionale e una grande voglia di crescere. Così l’evoluzione digitale della comunicazione ha condotto verso chi poteva aprire gli orizzonti della rete per formare il più grande gruppo di comunicazione in Sardegna, Softfobia. Oggi oltre trenta persone realizzano ogni giorno idee che raggiungono milioni di persone. E tutte iniziano allo stesso modo: un foglio, una matita, una riga nera.